Rilevamenti topografici in ambito fluviale

Cosa sono

Lo sviluppo delle aree urbane ed agricole, la richiesta crescente di approvvigionamenti idrici, la necessità di valutare i rischi potenziali in ambito idrogeologico, hanno spinto le autorità di bacino ed i magisteri per i grandi corsi d’acqua alla realizzazione di piani e valutazioni progettuali in materia idraulica.

Per questo genere di analisi è necessario disporre di dati cartografici e topografici aggiornati periodicamente.

Geo-graphic, con la sua struttura e le sue attrezzature è in grado di svolgere sistematicamente anche questi complessi e difficoltosi rilevamenti, spesso ubicati in zone impervie e difficilmente accessibili.

Con quali tecnologie

I rilevamenti topografici in ambito fluviale sono sempre interessati da preventive operazioni d’inquadramento geodetico e cartografico, tramite reti statiche effettuate con ricevitori GPS a doppia frequenza.

Sono effettuati principalmente per sezioni materializzate in sito mediante borchie o pilastrini, allo scopo di permettere il medesimo monitoraggio in epoche successive.

Le misure di dettaglio sono eseguite in modalità mista, tramite celerimensura e rilevamento GPS/RTK. I nostri topografi utilizzano i teodoliti elettronici nelle aree boschive ed i ricevitori GPS nelle zone scoperte o sul letto dei corsi d’acqua.

Le restituzioni sono effettuate mediante il software Geopro Meridiana®, in grado di gestire modellazioni tridimensionali del terreno, isoipse, isobate, profili e sezioni.

Gli elaborati finali sono restituiti nei formati dxf, dwg, shp, compatibili con i più comuni software di disegno vettoriale. Tutti i manufatti presenti in alveo (briglie, canalizzazioni, guadi, attraversamenti, ponti etc.) sono rilevati completamente tramite tecniche di celerimensura e restituiti su schede monografiche contenenti schemi, dati e fotografie esplicative.

Esperienze

Geo-graphic ha effettuato i rilevamenti d’aggiornamento per sezioni dei Torrenti Rio Melo, Ventena di Gemmano, Rio Taviolo, nei comuni di Coriano e Riccione, Montefiore Conca e Gemmano, Tavullia e Gabicce (PU).

La medesima tipologia di rilevamento è stata applicata per il Fiume Marecchia, nel tratto compreso fra la località Ponte Verucchio (RN) e la frazione Ponte Baffoni in Comune di Novafeltria (PU), un tratto fluviale di oltre 20 km. Contestualmente sono stati eseguiti anche i rilevamenti per sezioni del Torrente San Marino.

La nostra azienda ha effettuato un consistente rilevamento di dettaglio finalizzato alla progettazione di opere di difesa dagli eventi di piena nell’alveo storico del Fiume Marecchia, attualmente occupato dal Parco XXV Aprile (dalla Circonvallazione al Bacino del Ponte di Tiberio), nella zona di immissione del Deviatore Torrente Ausa (a valle della Via Marecchiese) e della zona di emissione del Deviatore Fiume Marecchia (a valle, oltre al ponte pedonale in legno). Nell’occasione si sono rilevati oltre 12.000 punti di dettaglio in planimetria ed altimetria, fra i quali 3.000 alberi ed essenze arboree classificate per specie. L’elaborato è
stato restituito per curve di livello in formato dwg sia in 2D sia in 3D.

Rilevamenti Topografici in ambito fluviale